/ /

25 Settembre 2014 | di

Servizio Pubblico, una donna a Napoli: “Lo Stato ci ammazza, la camorra ci protegge”

Copertina di Luca Bertazzoni che esplora il rione Traiano di Napoli. Tra le vie del quartiere si imbatte in diversi giovani che vigilano a mò di vedette e lanciano segnali quando qualche estraneo entra nel rione. Seguono le immagini del funerale di Davide Bifolco, il diciassettenne ucciso da un carabiniere. Una donna, tra la folla, grida: “Lo Stato ci ammazza senza pietà, la camorra ci protegge”. Ma l’illegalità occupa ogni angolo delle strade: dai sottoscala trasformati in abitazioni con veranda agli scantinati che diventano roccaforti dello spaccio. Per entrare serve una microcamera nascosta e inizia il viaggio in stile “Gomorra”: un tavolo, un lavandino, coca in abbondanza e telecamere di sorveglianza per non farsi beccare

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×