/ /

Politica & Palazzo
18 Settembre 2014 | di

Sanità, corruzione e sprechi per 23 mld. Anticorruzione: ‘Contrasto, non tagli lineari’

Corruzione e sprechi vanno a braccetto nella sanità italiana e costano ogni anno oltre 23 miliardi di euro, su una spesa di 110 miliardi. E’ quanto emerge dal rapporto presentato oggi dall’organizzazione Trasparency International Italia, e dal suo presidente Virginio Carnevali, in collaborazione con gli istituti di ricerca Ispe, RiSSC e dipartimento della funzione pubblica. “Una manovra lacrime e sangue occulta che intacca il servizio sanitario, ma i 23 miliardi sono una cifra indicativa, il costo della corruzione è superiore purtroppo”, afferma Nicoletta Parisi, commissario dell’Autorità nazionale Anticorruzione. “Noi possiamo operare un controllo, fare la diagnosi, poi servono le cure”, aggiunge. “Gli strumenti e le aree dove intervenire ci sono, per esempio si possono tagliare molti sprechi nei servizi non sanitari come la mensa, le pulizie sui quali si possono, se razionalizzati, ottenere circa 2 miliardi”, specifica Francesco Macchia dell’Ispe, istituto per la promozione dell’Etica nella sanità. Poi servono i controlli e le sanzioni, come espellere dal sistema i corrotti. Era attesa al summit anche il ministro Beatrice Lorenzin, alla fine assente, presa in questi giorni dai possibili tagli alla spesa, per evitare la scure della spending review sul fondo sanitario nazionale. “Non si possono toccare i servizi, è tempo di focalizzarsi sugli sprechi e la corruzione – afferma ancora il commissario Parisi – io ho fiducia nel patto della salute con le Regioni, è un accordo virtuoso, questa è la strada da perseguire, i tagli lineari invece sarebbero un colpo fatale per un paziente gravemente ammalato” di Irene Buscemi

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×