/ /

Mondo
14 Settembre 2014 | di

Isis, terzo ostaggio decapitato: è David Haines. Ecco le immagini



Tre ostaggi decapitati in un mese. Dopo i reporter statunitensi James Foley e Steven Sotlofflo Stato Islamico in Iraq e nel Levante ha diffuso un video in cui matte in scena il terzo atto del suo orrore: l’esecuzione del cooperante scozzese David Haines, scomparso in Siria circa un anno fa. Il video è una macabra replica dei due precedenti, in cui veniva mostrata la decapitazione di James Foley e Steven Sotloff. Il titolo è simile ai precedenti “Messaggio agli alleati dell’America”. La telecamera immortala Haines in ginocchio, nel deserto, con indosso una tuta arancione, simile a quella dei detenuti del supercarcere militare americano di Guantanamo. Come nei precedenti filmati, anche in questo caso l’ostaggio condanna le azioni del suo governo contro l’Isis e lo accusa di essere responsabile della sua morte, apparentemente leggendo un testo scritto. Secondo la trascrizione del sito web ‘Site’, che monitora l’attività dei gruppi terroristi online, rivolgendosi a Cameron Haines afferma: “Sei entrato volontariamente in una coalizione con gli Usa contro lo Stato Islamico, come ha fatto il tuo predecessore Tony Blair, seguendo la tendenza dei nostri premier britannici che non hanno il coraggio di dire no agli americani”.  E rivolgendosi sempre a Cameron aggiunge che l’Alleanza con gli Usa porterà solo ad “accelerare la tua distruzione

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×