/ /

Politica & Palazzo
8 Agosto 2014 | di

Sì al Senato dei nominati, il video-racconto della giornata

Dopo l’uscita dall’Aula dei senatori del Movimento 5 Stelle arriva il primo via libera al ddl Boschi (leggi la scheda su come cambia il Senato). Con 183 voti a favore Palazzo Madama dice  sì al provvedimento, dopo settimane di polemiche e scontri. Non partecipano Sinistra Ecologia e Libertà e la Lega Nord che, con Roberto Calederoli fa notare come i numeri siano comunque risicati. Opinione condivisa dal capogruppo forzista Paolo Romani che sottolinea come senza i voti del partito di Silvio Berlusconi, il governo non avrebbe mai avuto la maggioranza. “La battaglia si sposta alla Camera”, annuncia la senatrice Loredana De Petris di Sel, mentre la collega M5S Barbara Lezzi lancia la “guerriglia democratica”. Risponde a distanza il capogruppo Pd Luigi Zanda: “Le opposizioni? Si sono autoescluse”. Compresi i dissidenti dem ai quali la relatrice di maggioranza Anna Finocchiaro lancia un messaggio: “Sono dispiaciuta e rammaricata, ma questo non ha determinato un cambio di orientamento d’Aula”. Ringrazia Berlusconi che intestandosi la vittoria passa subito all’incasso: “Ora voglio riavere l’agibilità politica”  di Annalisa Ausilio, Irene Buscemi e Samuele Orini

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×