/ /

Cronaca
28 Luglio 2014 | di

Forconi, assalto a Tir tunisino carico di pomodori: “Basta prodotti stranieri”

“Tremate, tremate, i Forconi sono tornati”. Il bersaglio, questa volta, è un carico di pomodori provenienti dalla Tunisia all’imbarco dei traghetti a Messina. Sono tornati a protestare, stamattina, per chiedere al governo di attuare il prima possibile le clausole di salvaguardia. In un video che in queste ore sta circolando su Facebook hanno filmato la protesta. Nel filmato, i forconi bloccano il tir contenente centinaia di cassette di ortaggi per poi rovesciarle sulla banchina. “Chiediamo interventi a sostegno dell’agricoltura siciliana e misure di salvaguardia per difendere la produzione nazionale”, dichiara Mariano Ferro, leader dei forconi. Annunciano una stagione calda: “Si sta distruggendo un’economia – aggiunge – se dobbiamo continuare cosi siamo pronti in inverno a fare quello che stiamo facendo stamattina. Al sit-in è presente anche il sindaco di Vittoria (Ragusa) Giuseppe Nicosia e altri suoi colleghi con fascia tricolore dei comuni della provincia ragusana. “Il presidente della Regione siciliana (Rosario Crocetta, ndr) ha dichiarato qualche giorno fa a Bruxelles che l’agricoltura e’ in ginocchio”, ha sottolineato Ferro”. “Non è una questione siciliana, è una questione italiana”, ha notato il leader dei Forconi, che ha aggiunto: “Stiamo avvisando da anni che se continua così saremo sommersi dai prodotti stranieri”. Seguire l’esempio francese. “In Francia – dice uno dei manifestanti – s’introduce merce estera solo quando viene esaurita quella interna”  di Loredana Di Cesare e Gisella Ruccia

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×