/ /

Media & regime
12 Giugno 2014 | di

David Donatello, Ruffini: “Non chiedo scusa alla Loren, ‘topa’ è un complimento”

Perché dovrei pentirmi della mia frase a Sophia Loren? Per me ‘topa’ è un complimento eccezionale. Non credo sia una cosa deprecabile. E’ come dire ‘una bella ragazza’. E poi non credo che la Loren se la sia presa”. Sono le parole di Paolo Ruffini, ospite de “La Zanzara”, su Radio24, a proposito della contestata battuta pronunciata dal comico toscano durante la consegna dei David di Donatello, su Rai Uno. “Ma quale gaffe” – ribadisce il conduttore di “Colorado” (Italia Uno) – “ la cerimonia dei David è sempre stata una rottura di coglioni inenarrabile, si è cercato di tirarla su e di animarla. Le gaffe sono altre, come quando dici ‘congratulazion’i a un funerale anziché ‘condoglianze'”. E aggiunge che la vera gaffe da lui commessa riguarda una svista all’inizio della cerimonia, quando si è dimenticato di nominare Sidney Sibilia, il giovane regista di “Smetto quando voglio” (guarda il video). Ruffini poi puntualizza: “Quello che avevo davanti io era un pubblico spocchioso e di rompicoglioni. Se la Littizzetto avesse detto ‘topa’, non avrebbero detto nulla. C’è bisogno sempre di lamentarsi e di dire che tutto fa schifo, ma a me non importa nulla, ho ritwittato tutti gli insulti”. Poi ironizza ancora: “Cara Sophia Loren, io volevo farti solo un complimento. Non sei una bella topa, ma sei una bella fica. E poi io sono anche gerontofilo”. Ma qualche minuto dopo, alla domanda di Cruciani su chi preferisce tra il ministro Maria Elena Boschi e la Loren, risponde: “Mi butto sulla Boschi a tuffo e subito. Secondo me lei ti fa delle belle capriole”. Stoccata al vetriolo anche ai cineasti: “Tra i registi c’è una totale mancanza totale di autoironia, è gente che scoreggia da sola nella stanza, si autoannusa e si fa i complimenti. Non è che fai il medico o l’ingegnere, fai un film. Non ti puoi sentire ‘stocazzo’ perché sei un regista. E lì alla cerimonia c’era parecchia gente di quel tipo. Virzì non è così, Sorrentino un po’ si sente ‘stocazzo'”. Tornando sulle polemiche scatenate dalla sua conduzione, afferma che l’intervento di Valerio Mastandrea non era un rimbrotto, ma una gag, seppure improvvisata: “E’ l’unico che è stato al mio gioco”. E sottolinea: “Se la Rai ha scelto me rispetto a tanti altri conduttori, inevitabilmente si devono ‘puppare’ me. In casa hanno Daniele Piombi e la Pivetti, conduttori più istituzionali. Che cazzo mi hanno chiamato a fare, allora? Tra l’altro, ho un contratto con Mediaset” di Gisella Ruccia

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×