/ /

Politica & Palazzo
10 Giugno 2014 | di

FI si spacca su Galan. Romani: ‘Il partito prenda provvedimenti’. Toti: ‘Noi garantisti’

“Se ci sono ragionevoli certezze di un reale coinvolgimento nelle indagini, si dovrebbe fare un passo indietro. E’ necessario che il partito prenda provvedimenti”. Così il capogruppo al Senato Paolo Romani (Forza Italia) sulla richiesta di arresto del compagno di partito ed ex governatore del Veneto, Giancarlo Galan, coinvolto nell’inchiesta del Mose di Venezia. Opinione divergente da quella del consigliere politico di Silvio Berlusconi, Giovanni Toti, che – a margine della direzione nazionale del partito a Roma – ribadisce: “Restiamo una formazione politica con un dna garantista per questo aspettiamo di capire se le accuse sono fondate”   di Annalisa Ausilio

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×