/ /

Politica & Palazzo
9 Giugno 2014 | di

Venezia, le grida del pubblico al primo consiglio post-Orsoni: “Giunta a casa”

È stato un consiglio comunale accesissimo quello che è stato celebrato lunedì pomeriggio a Venezia. Il primo senza Giorgio Orsoni, agli arresti domiciliari per gli addebiti che gli sono stati rivolti nell’ambito della maxi inchiesta sul Mose. In consiglio si sono presentati rumorosi e battaglieri anche alcuni cittadini, molti con dichiarate simpatie per di destra, per chiedere le dimissioni dell’intera giunta. Nel difficile compito di aprire le danze il vicesindaco Sandro Simionato: “Venezia non si merita l’immagine di città corrotta – ha detto -, noi siamo i primi a volere chiarezza, siamo sempre stati in prima fila nel chiedere procedure più limpide”. Come lui anche altri membri della maggioranza di centrosinistra si sono prodigati nel sottolineare come i fatti contestati ad Orsoni riguardino non il suo ruolo di sindaco, ma quello di candidato, cercando così di allontanare le ombre da giunta e consiglio. Dalle opposizioni invece gli attacchi sono fermi e senza appello e vanno tutti in un’unica direzione: le dimissioni. La stessa direzione indicata a gran voce anche dal pubblico, che ha spesso interrotto con grida e insulti gli interventi dei componenti della maggioranza. “È un momento molto difficile per la nostra città – ha spiegato Simionato – nessuno si aspettava una situazione di questo genere, dobbiamo lavorare per uscirne, nella direzione migliore per i cittadini”  di Alessandro Madron

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×