/ /

Politica & Palazzo
22 Maggio 2014 | di

Il Fatto intervista Renzi #2: “Mi sono dimesso dall’azienda di famiglia come chiesto dal Fatto”

“Non volevo dirlo, ma lo dico proprio al Fatto: ho accolto la sua richiesta (“Renzi lasci la società di famiglia” 25-02-2014 di Marco Lillo, ndr) e mi sono licenziato dall’azienda della mia famiglia”. Così il presidente del consiglio a colloquio con i giornalisti del Fatto Quotidiano Antonio Padellaro, Peter Gomez, Marco Travaglio, Marco Lillo e Wanda Marra. Il caso, scovato dal nostro giornale, riguarda l’assunzione nel 2003 come dirigente nella società di famiglia un giorno prima della candidatura da parte della Margherita come presidente della Provincia di Firenze. Il risultato? Quasi dieci anni di contributi figurativi a carico della collettività. “E’ un atto di attenzione – precisa Matteo Renzi – Non c’era niente di giudiziario”  a cura di Paolo Dimalio

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×