/ /

Cronaca
5 Maggio 2014 | di

Calcio, Alfano: “Ok alla sicurezza, ma non vogliamo gli stadi vuoti”

“Abbiamo avviato una task force con la Lega Calcio e le società sportive, perché vogliamo sicurezza ma non intendiamo vuotare gli stadi”. Il ministro degli Interni Angelino Alfano, a Milano per un incontro sulle infiltrazioni mafiose nell’Expo, torna a parlare di sicurezza negli stadi dopo i fatti di sabato a Roma per la finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli. Ribadisce che il governo è pronto a inasprire le norme e rilancia la proposta di un Daspo che escluda per sempre dalle manifestazioni sportive i responsabili dei reati più gravi. La legge, pur contestata dalle tifoserie e tacciata di incostituzionalità, già c’è. E’ la 41/2007, che all’articolo 9 impone alle società di non emettere, distribuire o vendere titoli di accesso a chi ha una condanna, anche non definitiva, per reati commessi contestualmente a eventi sportivi. Non basterebbe applicarla? Alfano non risponde, limitandosi ad annunciare riforme per il prossimo futuro, rigorosamente dopo la fine del campionato e dopo le elezioni europee di fine maggio. Quanto alla “trattativa” dei funzionari di polizia con i leader delle curve, il ministro è tranciante: “Non sta né in cielo né in terra”. E in merito a quanto visto sabato sera a Roma, precisa: “La polizia si è limitata a garantire l’ordine pubblico, ad evitare che la situazione degenerasse. Escludo nel modo più assoluto che lo Stato sia stato ostaggio dei tifosi”  di Franz Baraggino

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×