/ /

Terza pagina
30 aprile 2014 | di

Musica, Lo Stato Sociale featuring Piotta in “Questo è un grande Paese”

“Si mangia, si beve e si sta bene”. Anni di superficialità annegati nella crisi economica. L’Italia che resiste, che esiste e che non sa dove andare, tutta in una canzone. Il gruppo Lo Stato Sociale presenta il secondo singolo (in esclusiva per ilfattoquotidiano.it del nuovo album “L’Italia peggiore“, che uscirà a giugno. “Questo è un grande Paese” è il testo che cantano insieme a Piotta. Torna così la band electro pop: Il primo disco nel 2012, anche se a Bologna assicurano di averli sentiti cantare, cazzeggiare, ridere e strimpellare per anni. Erano quelli di Radio Città Fujiko e di piazza Verdi. Quelli che hanno ascoltato portici e bolognesi, studenti fuori sede e ragazze dei Colli e li hanno infilati insieme in una canzone. C’è pure Massi il poeta da qualche parte, torna come un pugno di nostalgia agli angoli di un testo. Dopo il primo singolo, “C’eravamo tanto sbagliati“, Lo Stato Sociale lascia intravedere un nuovo pezzo dell ultima produzione. Alberto, Lodovico e gli altri si buttano di pancia nel mare dell’oggi, prendono in giro chi li prende sul serio, e cercano di “non vendersi” restando aggrappati a quei palchi da cui hanno cominciato. C’è un punto dei loro concerti del vecchio tour in cui parte il disco registrato, il gruppo abbandona microfoni e strumenti e inscena una coreografia da club vacanze. Si divertono. E dicono che solo quello conta alla fine del gioco  di Martina Castigliani

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×