/ /

Politica & Palazzo
29 Aprile 2014 | di

Riforme, Rodotà: “Renzi tolga il segreto di Stato dall’accordo del Nazareno”

“Dico a Matteo Renzi, visto che ha intenzione di togliere i segreti di Stato, che cominci a rendere noti i contenuti del famoso patto del Nazareno. Ancora oggi non si conosce il testo di riforma del Senato“. Parola del costituzionalista Stefano Rodotà a margine di un dibattito al teatro Eliseo di Roma, organizzato dall’Anpi, dal titolo ‘Una questione democratica’. “Oggi – spiega Rodotà – mentre si inseguono le voci e non c’è nulla di certo, mi sembra un progetto sgrammaticato dal punto di vista costituzionale. L’obiettivo è quello di avere un monocameralismo senza alcuna garanzia”. Rodotà attacca anche l’Italicum, frutto dell’accordo fra Renzi e Silvio Berlusconi. “E’ una legge elettorale che non rispetta i principi della Costituzione in materia di rappresentanza e – prosegue – non è fatta su misura per due partiti ma per sole due persone”. Critico nei confronti della riforma del Senato anche il deputato Pd Pippo Civati: “Il nodo fondamentale resta l’elettività. Oltre ai senatori eletti dai consigli regionali, è necessario avere rappresentati scelti direttamente dai cittadini   di Annalisa Ausilio

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×