/ /

Piacere quotidiano
22 Aprile 2014 | di

“La sedia della felicità”, l’ultimo film di Mazzacurati con Mastandrea

C’è anche lui, e soprattutto lui, al centro de “La sedia della felicità“, l’ultimo film di Carlo Mazzacurati. Valerio Mastandrea, romano, classe ’72, giunto al 58esimo film – il prossimo sarà “The face of an angel” di Michael Winterbottom sull’omicidio di Meredith Kercher a Perugia – è Dino, tatuatore pieno di debiti, finito a gestire in proprio un negozio di tatoo in un centro commerciale della profonda provincia veneta. L’incontro con la vicina di negozio, l’estetista Bruna (Isabella Ragonese), lo catapulterà in un mirabolante inseguimento dalla laguna alle Alpi per ritrovare un tesoro nascosto nell’imbottitura di una delle dodici sedie tutte uguali che una riccona deceduta ha fatto finire all’asta. “Ho sempre pensato che il cinema di Carlo fosse molto originale”, spiega l’attore scoperto a teatro da Maurizio Costanzo nel 1993. “Non ho mai partecipato – prosegue – a un film così dolce e garbato. La sedia della felicità è una fiaba”. L’ultimo film del regista padovano scomparso il 22 gennaio 2014 è stato girato tra diverse zone del Veneto, del Trentino e Roma. “Anche se lontano da casa –  sottoliena l’attore – sul set mi sono trovato bene. Questi sono i miei film all’estero, perché io non girerò mai in America, ho un limite ben visibile. Quindi, ogni volta che mi allontano più di 200 km dalla mia città per me è Colorado, Arkansas, Missouri. Il Nord Est in un certo senso è un luogo così: bello, particolare, e a me piace molto” di Davide Turrini

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×