/ /

Diritti
10 Marzo 2014 | di

Legge 40, Radicali: ‘Norme oscurantiste. Procreazione assistita, ma non per tutte’

Dieci anni dalla legge 40 sulla fecondazione assistita. Il bilancio, dall’approvazione del provvedimento avvenuta il 10 marzo del 2004, lo fa l’associazione Luca Coscioni e il Partito Radicale promotori allora del referendum abrogativo che non raggiunse il quorum e oggi di diverse battaglie legali. “L’8 aprile la Corte Costituzionale si esprimerà sulla legittimità della norma, altre due recenti sentenze del tribunale di Roma rimandano alla Consulta altre parti di una delle peggiori leggi della storia, varata senza fondamento scientifico né giuridico” afferma l’avvocato Filomena Gallo. Non permettere alle coppie fertili portatrici sane di malattie genetiche di accedere alle tecniche della procreazione assistita e alle diagnosi preimpianto. “La legge non è uguale per tutti e crea delle discrepanze notevoli, una coppia non fertile può accedere, mentre quelle fertili vengono discriminate” aggiunge l’avvocato. Su questo punto si è espressa anche la Corte dei diritti dell’uomo di Strasburgo che ha lanciato severi moniti all’Italia per adeguare la normativa alle indicazioni europee  di Irene Buscemi

 

 

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×