/ /

Economia & Lobby
18 Febbraio 2014 | di

FattoTv, Fassina (Pd): “A Renzi manca ancora il programma economico”


“Non vorrei bruciarlo, ma penso che tra i ministri dimissionari che hanno ottime possibilità di venire riconfermati da Matteo Renzi c’è Enzo Moavero Milanesi. Ha fatto benisismo come ministro agli Affari europei e a Bruxelles hanno tutti un’ottima opinione di lui”. A dichiararlo è Stefano Fassina, deputato Pd ed ex viceministro dell’Economia, intervenuta al FattoTv. Durante la diretta streaming, Fassina – che guida la dissidenza del Partito democratico contro Renzi (“Mi sono astenuto nella direzione del Pd, sul documento di Renzi, perché se si parla di cambiamento radicale le cose vanno messe in chiaro da subito. E Renzi non lo ha fatto né lì, né lo sta facendo adesso”) fa il punto sul programma economico del presidente incaricato. “Bisogna avere discontinuità sulla politica economica e – spiega Fassina – si riesca a spezzare il circolo vizioso tra recessione, disoccupazione e aumento del debito pubblico. In Europa la nostra economia non è credibile“. L’ex viceministro del governo Letta fa, quindi, un riferimento al caso Fabrizio Barca: “Mi dispiace che non accetti l’incarico di ministro. Avrebbe potuto interpretare la discontinuità che serve, senza far perdere credibilità all’Italia”. Fassina non risparmia altre frecciatine a Renzi: “Il difetto delle primarie del Pd? Aver fatto scegliere il segreatario dal primo che passa per strada e che non ha autonomia culturale”. Il deputato del Pd annuncia poi il documento che presenterà al premier incaricato: “Per rilanciare lavoro e imprese chiediamo un ‘Servizio civile per il lavoro‘ con cui far lavorare chi percepisce il sussidio e poi bisogna redistribuire il tempo del lavoro, attraverso  contratti di solidarietà, flessibilità, congedi parentali e incentivi part-time”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×