/ /

Politica & Palazzo
3 febbraio 2014 | di

Pazze di me, il cammeo di Marianna Madia (Pd) nel film flop di Fausto Brizzi

“Tanto torna. Tornano tutte”. Sono le laconiche battute pronunciate da una spettatrice dai lunghi capelli biondi e dalla voce tremula nel film “Pazze di me”, il lungometraggio firmato nel 2013 da Fausto Brizzi, dai più definito “il re della commedia italiana” e componente del gotha renziano. Non è difficile riconoscere quel volto femminile che si rivolge con espressione perplessa all’attore protagonista Francesco Mandelli, famoso per essere uno del duo “I soliti idioti”: si tratta di Marianna Madia, ex veltroniana di ferro, parlamentare e responsabile del lavoro per il Pd sotto la gestione Renzi. La commedia di Brizzi, che nelle sale italiane ha registrato un sonoro flop, è stato prodotto dalla sua società, la Wildside, prossima alla produzione di alcune fiction Mediaset e fondata insieme a Saverio Costanzo, Marco Martani, Lorenzo Mieli, Mario Gianani, marito della stessa Marianna Madia. Dettaglio curioso: nel film spiccano altre partecipazioni “amichevoli”, come quella della “Iena” Filippo Roma e di Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, sostenitore anche lui del nuovo leader del Pd. E se nei titoli di coda appaiono i loro nomi, quello della parlamentare è invece omesso  di Gisella Ruccia

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×