/ /

Lavoro & precari
9 Gennaio 2014 | di

Termini Imerese, primi licenziamenti per l’indotto Fiat. Gli operai: “Lasciati soli”

La disperazione degli operai di Termini Imerese (Palermo). Non ci sono soluzioni per far ripartire la Fiat, la cassa integrazione sta finendo e il rischio sono i licenziamenti di massa. Davanti ai cancelli dello stabilimento Fiat i lavoratori e le loro famiglie, sullo sfondo l’abbandono di una città del Sud. Parla il sindaco, Salvatore Burrafato: “No so più che risposte dare alle famiglie che vengono da me per chiedere un aiuto”. Parla il sindacalista Roberto Mastrosimone: “Qui è un cimitero di fabbriche”. Per far ripartire lo stabilimento Governo e Regione hanno messo sul piatto 450 milioni di euro, ma finora, i quattro imprenditori che hanno mostrato interesse per l’acquisto della Fiat si sono rivelati una bufala. Intanto si spendono centinaia di migliaia di euro per la manutenzione degli impianti. Intanto da stamane circa duecento operai della Fiat dell’indotto stanno bloccando l’autostrada A19 Palermo-Catania all’altezza dello svincolo di Termini Imerese di Enrico Fierro e Silvia Bellotti

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×