/ /

Cronaca
17 Dicembre 2013 | di

Stamina, nuova protesta dei malati che si dissanguano: “Presi in giro da politica”

Nuove proteste, a Roma, davanti a Palazzo Chigi e Montecitorio, con i malati che si dissanguano utilizzando delle flebo, due fermi da parte della Polizia ed il ricovero di uno dei manifestanti, Sandro Biviano, in carrozzella, poi dimesso. I gruppi di pazienti e famiglie che chiedono di accedere al metodo Stamina, invocando la libertà di cura con le cellule staminali, sono tornati a protestare nel giorno in cui il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha riferito della complessa vicenda in Consiglio dei ministri che non ha preso nessuna decisione. La richiesta dei malati è sempre la stessa, da settimane: un decreto d’urgenza per l’accesso a Stamina come cura compassionevole. I malati, appreso l’esito del Cdm, hanno ripreso le proteste e uno di loro ha cominciato a estrarsi il sangue con una siringa per poi gettarlo via. Già il mese scorso lo stesso gesto estremo era stato messo in atto da due malati in carrozzella, tra cui Sandro Biviano. La protesta – organizzata dal “Civico 117 a“, rappresentato dai fratelli Marco e Sandro Biviano, che insieme ad altri malati dal 23 luglio hanno dato vita a un presidio permanente in piazza Montecitorio – ha però preso il via dalla mattinata, con il blocco del traffico nel centro della Capitale. La tensione resta dunque alta, in attesa che il ministro Lorenzin nomini il nuovo comitato di esperti che dovrà valutare il protocollo messo a punto dal presidente di Stamina Foundation, Davide Vannoni. Questo dopo l’ordinanza del Tar Lazio che ha sospeso la bocciature del metodo. Il comitato dovrebbe essere nominato entro la settimana  di Annalisa Ausilio

 

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×