/ /

Cronaca
20 Novembre 2013 | di

I malati di Sla tornano in piazza: “Lo Stato non rispetta né i morti né i vivi”

I malati di Sla tornano in piazza, per la decima volta in un anno, a protestare sotto il Ministero dell’Economia. La richiesta è sempre la stessa: mettere in pratica il progetto “Restare a casa” che assicura assistenza domiciliare al malato invece del ricovero nelle strutture sanitarie. Dopo la morte di Raffaele Pennacchio, ammalato di Sla deceduto dopo un presidio di due giorni sotto il dicastero di via XX Settembre, la rabbia è tanta. “Non hanno rispetto dei morti e neanche dei vivi”, attacca Mariangela Lamanna del Comitato 16 Novembre. “Siamo venuti dalla Sardegna sfidando il maltempo e trasportando persone attaccate al respiratore. Arriviamo a Roma – dice la moglie di un ammalato  – e questi neanche ci ricevono”. “Chiediamo solo di dirottare i soldi destinati alle strutture per l’assistenza domiciliare perché – afferma un manifestante – io voglio essere curato a casa mia”. “Ci sbattono le porte in faccia, non si degnano neanche di affacciarsi alla finestra – urla nel megafono una signora sarda – noi non abbiamo più tempo e la morte di Raffaele Pennacchio è una triste prova”  di Annalisa Ausilio

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×