/ /

1 Novembre 2013 | di

Servizio Pubblico, Travaglio: “‘Napolitario’: le parole dell’inciucio”

Marco Travaglio nel suo editoriale analizza le nuove parole chiave dell’inciucio e si sofferma sul “Napolitario”, il vocabolario delle larghe intese: “Niente nomi divisivi e se sono divisivi, i problemi si rinviano, a cominciare dalla legge elettorale. Se si fa la legge elettorale, il governo ovviamente cade e quindi Napolitano si deve dimettere, perché l’ha promesso”. Il vicedirettore del Fatto Quotidiano osserva: “Per salvare la stabilità, il governo non deve fare niente, perché se fa qualcosa cade. E’ un governo salma, anzi non lo è, perché le salme hanno almeno il “rigor mortis”. Questo governo no”. Travaglio sottolinea come Berlusconi da svariato tempo sta per decadere, ma non decade mai: “Ormai la sua condanna definitiva sta compiendo i primi mesi, sta mettendo i primi dentini e comincia a gattonare”. Viene quindi affrontata la decisione della giunta per le elezioni sul voto palese in merito alla decadenza del Cavaliere. “Ma si è nascosta la vera notizia” – afferma il giornalista – “anzi due: il Pd, coi suoi franchi tiratori, non si fida del voto segreto perché sospetta di se stesso. E in Senato c’è un abusivo da 90 giorni. Se va bene, si voterà a fine novembre o a metà dicembre. Se va bene a Berlusconi, lui potrà mangiare il panettone a spese nostre”. Travaglio osserva poi che le colombe del Pdl per rompere con il Cavaliere devono necessariamente salvarlo e nota ironicamente: “Il dubbio è che sia una spaccatura finta. E’ come se Berlusconi dicesse: ‘Se non volete salvarmi per fare un favore, salvatemi per farmi un torto’“. Il vicedirettore del Fatto, infine, spiega come è ormai cambiato il vocabolario delle larghe intese, al punto che Angelino Alfano, prima visto come cattivissimo per il caso kazako, ora è diventato buono perché difende il governo Letta. Idem Renato Schifani, schierato coi “buoni” per non essere andato a un vertice a Palazzo Grazioli. Eppure per lui è ancora in corso il processo a Palermo per concorso esterno per associazione mafiosa. Ciò nonostante, è stato invitato con Anna Finocchiaro dall’Anm al convegno dal titolo “Giustizia e politica”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×