/ /

31 Ottobre 2013 | di

Servizio Pubblico, Santoro: “Grillo le spara grosse”

Editoriale di apertura di Michele Santoro, che esordisce parlando dell’ultima esternazione di Beppe Grillo su Giorgio Napolitano: “Il leader del M5S Grillo si sente già in campagna elettorale. Le spara grosse: ha detto ai suoi parlamentari, come ha riportato Il Fatto Quotidiano, che ha chiesto l’impeachment, ma solo per farsi capire bene dal popolo di internet, voleva parlare alla pancia del Paese”. E sottolinea: “Tutti in rete urlano che non se ne può più di sentir parlare di Berlusconi, ma intanto il Paese resta bloccato”. Il timoniere di Servizio Pubblico poi affronta la questione della decadenza di Berlusconi: “Solo in Italia succede che il Parlamento approvi una legge, secondo cui un condannato non può essere un deputato, ma poi si riserva una valutazione politica successiva. Renzi ha detto che riformerà la giustizia e rivedrà il problema della responsabilità civile del giudice. Io gli chiedo di considerare un altro fattore: l’esecutività delle sentenze”. E cita Paesi come la Svizzera e l’Inghilterra in cui le sentenze si eseguono e c’è la certezza del diritto. Nel finale, Santoro cita il caso del ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, che ha favorito Giulia Agresti: “Ha ragione il M5S: il ministro o smentisce o se ne va”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×