/ /

Cronaca
17 Ottobre 2013 | di

La storia di Rosy Canale, donna-coraggio contro la ‘ndrangheta, arriva a teatro

Non vuole essere definita straordinaria, ma lo è. Rosy Canale ha avuto il coraggio, in piena terra di ‘ndrangheta, di buttare fuori dalla sua discoteca a Reggio Calabria, il “Malaluna”, gli spacciatori di droga inviati dai boss. “Questo schifo nel mio locale non lo voglio”, diceva a muso duro. Troppo per gli ‘ndranghetisti che l’hanno massacrata di botte, le hanno rotto diversi arti, l’hanno quasi uccisa. . Ci sono voluti anni perché le ferite del copro guarissero, quelle dell’anima ci sono ancora. Ma Rosy ha continuato a ribellarsi perché “le imposizioni non mi sono mai piaciute”. E’ la presidente dell’associazione “Le donne di San Luca”, una realtà di 400 donne che, nella capitale mondiale della ‘ndrangheta, hanno detto basta alle faide mafiose. Lo Stato, però, è latitante. Persino una ludoteca che l’associazione aveva aperto per offrire uno spazio di libertà ai bambini è stata chiusa per mancanza di finanziamenti. Venerdì 18 e sabato 19, Rosy Canale sarà la protagonista di uno spettacolo al teatro Franco Parenti di Milano. Racconterà la sua storia. Regia di Guglielmo Ferro. Franco Battiato le ha regalato le musiche  di Antonella Mascali, riprese e montaggio di Francesca Martelli

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×