/ /

Giustizia & impunità
15 Settembre 2013 | di

Omicidio Vassallo, Roberti: “Mi prendo la responsabilità delle indagini. Chi sa parli”

“Angelo Vassallo è una vittima che aspetta giustizia, ucciso per quello che era stato e non tanto per quello che aveva rappresentato”. Franco Roberti, Procuratore Nazionale Antimafia – fino allo scorso luglio a capo della Procura di Salerno che indaga sull’assassinio dell’ex sindaco di Pollica (Salerno, ucciso il 5 settembre 2010) – promette dal palco di Acciaroli (Salerno) il massimo impegno per assicurare alla giustizia mandanti ed esecutori dell’omicidio di Vassallo. “Io mi prendo interamente la responsabilità delle indagini e – dice – non avremo pace fino a quando non avremo scoperto chi lo ha ucciso”. “Probabilmente c’è ancora chi potrebbe aiutare il corso delle indagini e non lo fa per paura o per omertà – ha detto a margine dell’incontro organizzato a Pollica per ricordare il sindaco pescatore tre anni dopo la sua morte –. Questo è il momento di invitare chi sa a parlare e ad aiutarci a raggiungere la verità”. Gli fa eco Dario Vassallo, fratello di Angelo e presidente della Fondazione ‘Angelo Vassallo – Sindaco Pescatore’: “Penso che nell’omicidio di Angelo siano implicati altri personaggi”, ha dichiarato a ilfattoquotidiano.it: “Bisogna capire chi è che ostacola la trasformazione di questo territorio, abbandonato, povero e trasformato da Angelo in eccellenza. In questi tre anni la politica è tornata quella di trent’anni fa”. “Ho voluto venire qui a ricordare Vassallo – ha detto il Presidente della Camera, Laura Boldrini – perché io che sono nuova nella politica ho trovato in quest’uomo l’ispirazione per fare la cosa giusta, per avvicinare i cittadini alla politica e alle Istituzioni”. Proprio alla Camera lo scorso 6 settembre è stato osservato un minuto di silenzio per ricordare Vassallo  di Andrea Postiglione

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×