/ /

Politica & Palazzo
1 Settembre 2013 | di

Lodo-Violante, la fronda Pd insiste: “No alla legge Severino per B.”

“Il documento che abbiamo firmato dice chiaramente che voteremo come ci sarà indicato dal partito, quindi la decadenza”, taglia corto Federico Fornaro, senatore Pd. Fornaro assieme ad altri 9 suoi colleghi ha organizzato un incontro pubblico nel quale Luciano Violante spiegherà al suo partito perché non si può applicare la legge Severino nel caso di Berlusconi. “Non siamo colombe –continua Fornaro – Vogliamo solo che Violante si possa esprimere democraticamente all’interno di un partito che si chiama democratico”. Il senatore ammette però che esiste una certa tensione, e non solo perché si parla di Berlusconi: “Dopo quanto successo con le elezioni del Presidente della Repubblica alcuni pensano che anche noi potremmo votare contro quanto deciso dal partito. Noi non siamo i 101”  di Cosimo Caridi 

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×