/ /

Politica & Palazzo
9 Agosto 2013 | di

Scontro tra M5S e Pd-Pdl. Di Battista: “E’ una vergogna augurare buone vacanze”

Polemica accesa in Aula tra il gruppo del Movimento 5 Stelle e quelli del Pd e del Pdl. Casus belli: l’intervento del deputato del M5S, Alessandro Di Battista, che commenta negativamente l’imminente chiusura di Montecitorio. La Camera dei Deputati, infatti, chiude i battenti fino al 6 settembre, quando riprenderà l’attività con l’esame del ddl costituzionale. Il parlamentare pentastellato, rivolgendosi a Laura Boldrini, alla quale augura buone vacanze, afferma: “E’ brutto augurare a noi buone vacanze, presentando un ulteriore decreto-legge da parte del Governo. Lei ha parlato in quel discorso inaugurale di «casa della buona politica» e noi l’abbiamo applaudita. E crediamo ancora” – continua – “che questo Parlamento possa diventare la casa della buona politica, ma occorre che lavori il Parlamento, perché la Costituzione dice questo: l’attività legislativa appartiene al Parlamento“. E aggiunge: “Le ricordo, ahimè, – e penso che anche lei sarà molto, molto, molto dispiaciuta – che in questi primi sei mesi, il Parlamento non ha approvato nessuna legge di iniziativa parlamentare. E questa è una vergogna e una violazione della Costituzione italiana, per qualcuno la più bella del mondo”. Dai banchi del Pd e del Pdl provengono voci di dissenso, ma il presidente della Camera risponde: “Lei sa che c’è l’impegno mio e di questa Assemblea per riformare il Regolamento. La Giunta per il Regolamento sta lavorando su questo, e lei sa anche che le proposte di legge di iniziativa popolare sono all’attenzione della Giunta e del Comitato” E sottolinea: “Sono all’attenzione anche tutti gli altri provvedimenti che porteranno alla centralità del Parlamento“. Il clima si surriscalda quando Simone Baldelli e Federica Mogherini, rispettivamente parlamentari del Pdl e del Pd, polemizzano aspramente con Di Battista, ribattendo all’unisono: “Abbiamo approvato la legge di ratifica della Convenzione di Istanbul, che è una legge di iniziativa parlamentare“. E’ il deputato del M5S Di Maio a precisare che le leggi di iniziativa parlamentare sono “leggi che nascono in Parlamento, per iniziativa dei parlamentari, e non per ratificare iniziative che vengono da altri organi sovranazionali o trattati internazionali“. E precisa: “Questo Parlamento, che ha iniziato i suoi lavori l’11 marzo 2013 non è stato ancora capace di comporre le Commissioni bicamerali e alcune delegazioni internazionali non hanno ancora il loro Presidente. Questo Parlamento” – continua – “rischia di essere esautorato dei suoi poteri. Spero non baratteremo la riduzione dei tempi della discussione in aula, in sede di riforma del regolamento, perché è l’ultimo strumento in mano all’opposizione”. La polemica si infiamma nuovamente con il secondo intervento di Baldelli e con il monito veemente di Ettore Rosato, deputato Pd, contro il M5S, che controbatte alle accuse per voce dei parlamentari Claudio Cominardi e Alessio Villarosa di Gisella Ruccia

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×