/ /

Giustizia & impunità
30 Luglio 2013 | di

Sentenza Mediaset, Coppi: “Condanna? Che volete portare iella?”

Ressa di giornalisti sulla scalinata del Palazzaccio in piazza Cavour alla vista di Franco Coppi e Niccolò Ghedini, i legali di Silvio Berlusconi. L’udienza viene sospesa per la pausa pranzo e gli avvocati vengono scortati dalla polizia nei ristoranti. Ghedini si defila con passo felpato ed è l’avvocato Coppi, accerchiato dai cronisti, a dover rilasciare a forza qualche dichiarazione: “La relazione sta andando come previsto, nel pomeriggio ci sarà la requisitoria del Procuratore generale”. “La sentenza arriverà domani, dopodomani, che fretta c’è – afferma Coppi ai nostri microfoni – Una condanna? Che volete portare iella, certo che mi aspetto l’assoluzione, mi fido della mia difesa non sono ancora rimbecillito”.  La strategia degli avvocati di Berlusconi consiste nel dimostrare “un abuso di diritto“, cioè una configurazione di un reato più grave rispetto a quello commesso. “Non c’è stata nessuna frode fiscale”  ha affermato Coppi. Si vorrebbe far ricadere la condotta di Berlusconi nel reato tributario della “dichiarazione infedele” e non fraudolenta che prevede una pena minore e scongiura l’interdizione dai pubblici uffici  di Irene Buscemi 

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×