/ /

Cronaca
30 Luglio 2013 | di

Kyenge, consigliere di Cantù: “Banane? Si rallegri, il cocco le avrebbe fatto male”

“La Kyenge è il ministro del nulla ed è stata scelta solo perché nera, per una questione di opportunismo”. Così il consigliere comunale di Cantù, Giorgio Masocco (da poco fuoriuscito dal gruppo consiliare della Lega Nord in polemica con il partito, fedele alla bandiera della Serenissima e degno discepolo di Mario Borghezio), ha sintetizzato il contenuto del lungo documento che ha letto in consiglio attaccando il sindaco Claudio Bizzozero e soprattutto il ministro per l’Integrazione Cécile Kyenge. Lunedì sera il ministro era infatti in visita nella città brianzola. Invitata ad un dibattito alla festa regionale del Pd, il ministro ha prima incontrato il sindaco, la giunta e il consiglio comunale, riunito nel tardo pomeriggio per parlare di urbanistica. In polemica con l’amministrazione due consiglieri leghisti hanno lasciato l’aula consiliare “perché – hanno spiegato – è stato impedito il contraddittorio”. Masocco (che si professa unico vero leghista in consiglio comunale) è andato oltre, formulando bizzarre teorie sull’inconsistenza del ministro e della sua delega, arrivando ad affermare che la Kyenge dovrebbe rallegrarsi di essere stata bersagliata con delle banane “perché le noci di cocco le avrebbero fatto male”  di Alessandro Madron

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×