/ /

Cronaca
20 Luglio 2013 | di

Scalea (Cosenza), arrestato un intero comune per mafia

Nel paese in provincia di Cosenza, ‘ndrangheta e politica sono una cosa sola. Con il sindaco Pasquale Basile che, all’indomani della vittoria elettorale, sfila in macchina per il paese brindando con lo champagne assieme al boss Piero Valente. Ma oggi sono tutti in carcere e il municipio di Scalea è praticamente un edificio deserto. Oltre ai due, l’Inchiesta Plinius ha fatto finire in manette cinque assessori, alcuni funzionari e il comandante della Polizia municipale. Le manette sono scattate in seguito alle denunce di un consigliere comunale d’opposizione, Mauro Campilongo, che si era rivolto ai carabinieri dopo le minacce del clan Valente-Stumpo per aver “ficcato il naso” nella torta della gestione delle aree consortili: “Mi hanno minacciato di lacrime e sangue”. Anche i cittadini sanno che in quel paese comanda la ‘ndrangheta. “Ma se denunciamo veniamo lasciati soli”, accusano  di Lucio Musolino

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×