/ / /

30 Maggio 2013 | di

Servizio Pubblico, Della Valle sul caso Rcs e sulle aste sulle case

Diego Della Valle espone un ragionamento trasversale che parte dalla questione Rcs e la tutela dei diritti di chi ha investio fino ad arrivare alla via da percorrere per evitare le aste sugli immobili. Riguardo a Rcs e sul suo auspicato allontanamento di Bazoli, l’imprenditore sottolinea: “Non c’è nessun accordo, ma c’è una presa d’atto di quasi tutti che dobbiamo rispettare il mercato e che quel modo di ragionare medievale è superato”. Sulle aste, Della Valle afferma: “A mio padre che non aveva i soldi le banche gli prestavano i soldi; lui parlava con un direttore di banca e otteneva il prestito. Dopo 60 anni bisogna tornare indietro. I grandi banchieri dovrebbero dire ‘noi apriamo uno sportello che si occupa di solidarietà; ex direttori di banca che spieghino alle persone cosa fare”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×