/ /

Cronaca
28 Aprile 2013 | di

Il carabiniere Giangrande in sala operatoria. Alemanno: “Non criminalizzo il dissenso”

Policlinico Umberto primo. Il brigadiere Giuseppe Giangrande, colpito durante la sparatoria a palazzo Chigi, è sotto i ferri per un’operazione chirurgica alla spina dorsale. Le condizioni sono gravi, la prognosi rimane riservata è quanto afferma la dottoressa Amalia Allocco, direttore sanitario dell’ospedale. Il sindaco Gianni Alemanno aggiorna i cronisti sulle indagini in corso. “Purtroppo è un uomo che versava in condizioni economiche disperate, voleva sparare contro un ministro e gli uomini hanno fatto scudo” afferma il primo cittadino “per questo mai come ora le parole sono pietre, gli appelli a inveire contro i palazzi sono pericolosi in questa fase” afferma il sindaco che poi aggiunge “non si vuole criminalizzare il dissenso ma è bene smetterla con la demagogia e avviare un confronto politico sano, questo è il mio appello per le elezioni comunali”  di Irene Buscemi

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×