/ /

Cronaca
23 Aprile 2013 | di

25 aprile, Comune di Alassio: “Non suonate Fischia il Vento”. Insorge l’Anpi

Ad Alassio, provincia di Savona, l’organizzazione del 25 aprile ha portato allo scontro il Commissario prefettizio, che amministra la città dopo le dimissioni della Giunta, e l’Anpi locale. Il motivo scatenante? La canzone partigiana “Fischia il vento”, pezzo bandiera della Resistenza che per giunta è stato composto proprio sulle montagne dietro la città ligure. Ma il vice-prefetto Ceccarelli vuole una Festa della Liberazione tanto apolitica da mettere al bando le canzoni partigiane: “Per essere corretti nelle manifestazioni istituzionali si dovrebbe suonare solo l’inno di Mameli”. Ma l’Associazione partigiani non ci sta: “Fischia il vento è una canzone del territorio e sono 68 anni che la cantiamo il 25 aprile”. Dopo una lunga contrattazione è stato concordato che sarà l’orchestra della scuola media di Alassio a decidere che brani suonare  di Cosimo Caridi 

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×