/ /

Diritti
19 Aprile 2013 | di

Torino, rifugiati politici occupano l’Anagrafe: “Casa, diritti, residenza”

Un centinaio di rifugiati politici ha occupato l’anagrafe centrale di Torino al grido “casa, dritti, residenza”. Da quasi tre settimane un gruppo di richiedenti asilo, fuoriusciti dai progetti dell’Emergenza Nord Africa, hanno occupato tre palazzine dell’ex villaggio olimpico al Lingotto. I rifugiati hanno tutti un regolare permesso di soggiorno, che però non permette loro di aver accesso a una serie di servizi di base, come il medico di famiglia. Senza la residenza, chi è stato allontanato dai centri di accoglienza non può iscriversi all’Asl, ha difficoltà ad accedere ai servizi dello sportello lavoro della provincia e difficilmente potrà rinnovare il permesso di soggiorno, che nella maggioranza dei casi scadrà nei prossimi sei mesi. L’assessore alle politiche sociali del comune di Torino ha fissato un incontro con una delegazione di rifugiati per la settimana prossima. “Il problema della residenza per i richiedenti asilo”, spiegavano oggi i manifestanti, “è insoluto da ben prima dell’emergenza seguita alle rivoluzioni in Nord Africa. Ci sono casi di persone domiciliate a Torino da oltre 5 anni, che ancora non hanno ottenuto i necessari riconoscimenti da parte del Comune”  di Cosimo Caridi

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×