/ /

Cronaca
19 Aprile 2013 | di

Un italiano a Boston: “Prigionieri in casa, non posso tornare in Italia”

“Siamo prigionieri in casa, con le porte chiuse e non possiamo uscire. Questa mattina alle 7.00 ci hanno avvertiti e chiesto di restare nelle abitazioni per ragioni di sicurezza”. Così Matteo Mariani, nostro concittadino, che si trova in una delle città vicino Boston dove la polizia ha interdetto la zona perché è stato avvistato il secondo presunto autore dell’attentato durante la maratona. “Io dovrei tornare oggi in Italia – conclude Mariani – l’aeroporto è aperto, ma sotto massima sicurezza. Il problema resta quello di arrivarci visto che non si può uscire”  di Nello Trocchia

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×