/ /

Diritti
6 Aprile 2013 | di

Rosarno, braccianti ‘sequestrati’ dal lavoro nero: “Lasciare l’Italia? Magari”

È finita la raccolta delle arance e i migranti lasciano Rosarno e la Calabria. Si spostano in direzione di località dove il lavoro nei campi ha ancora bisogno di loro. In Italia pensavano di trovare un po’ di fortuna, di costruirsi un futuro. Sfruttati e costretti a vivere in ghetti, scoprono invece di essere stati ‘sequestrati’ dalla miseria del lavoro nero. Molti vorrebbero lasciare l’Italia, tornare al paese d’origine. Ma un biglietto per il Burkina Faso, il Ghana o la Somalia non se lo possono permettere. Così, le valigie in mano, migrano da una regione all’altra alla ricerca di un ‘caporale’ che li sfrutti per 20 euro al giorno. “Sono pentito di essere venuto in Italia“, confessa il somalo Jakite, dopo tre mesi passati nella tendopoli di Rosarno. E prima di salire sul pullman che lo porterà a Foggia: “Tante persone guardano noi stranieri come animali”  di Lucio Musolino

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×