/ /

Politica & Palazzo
22 Marzo 2013 | di

Polillo furioso: “Al governo grazie a Cicchitto? E’ vero, mica è un crimine”

Accesa polemica tra Gianfranco Polillo e Fabrizio d’Esposito del Fatto durante il talk show d’approfondimento “L’aria che tira”, su La7. L’attuale sottosegretario di Stato all’Economia, che per tutta la puntata si dimena e si sbraccia per difendere Silvio Berlusconi e per attaccare la magistratura, si scontra ferocemente col giornalista del Fatto Quotidiano, tacciato di alimentare insieme a Pancho Pardi “campagne di odio politico”. Quando d’Esposito gli ricorda il suo curriculum politico e la lauta pensione che percepisce, Polillo sbotta: “Io ho versato i contributi, non faccio parte della casta. Sono entrato nel governo tecnico come esperto economista”. Il giornalista gli ricorda che, in realtà, il suo ingresso nel governo è stato determinato dalla sua amicizia con Fabrizio Cicchitto. Piccato, il sottosegretario ammette: “Sì, è vero. E allora? E’ un crimine?“. “Lei è stato comunista” – controbatte d’Esposito – “socialista e poi vicesegretario del Partito Repubblicano“. Polillo sfodera il solito mantra: “E allora? E’ un crimine?”. Nel resto della trasmissione il sottosegretario difende appassionatamente il leader del Pdl, al punto che la conduttrice Myrta Merlino non riesce a trattenere la inevitabile domanda: “Ma perchè lei fa il difensore d’ufficio di Berlusconi?”. “Io voglio difendere la verità storica di questo Paese e una visione nobile della politica“, risponde ghandianamente Polillo  di Gisella Ruccia

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×