/ /

Media & regime
30 Dicembre 2012 | di

Pubblico chiude, redattori contro Telese: “Noi lasciati allo sbaraglio”

Conferenza stampa di chiusura del giornale diretto da Luca Telese: un’esperienza che l’assemblea dei redattori definisce senza mezzi termini un “giornalicidio“. “Adesso scopriamo che i collaboratori di alcuni inserti non sono stati pagati dal loro primo numero, che i collaboratori sono stati pagati soltanto per una manciata di articoli e non abbiamo garanzia sulla tempestività di questi compensi”, afferma Paola Natalicchio, giornalista e membro del cdr di ‘Pubblico’. “L’azienda ci chiude perché ritiene insufficiente il numero di 4mila copie vendute, rispetto alle loro idee iniziali, ma la verità è che ha investito poco più di 700mila euro per fondare questo giornale e non vuole ricapitalizzare”. Rapporti con il direttore? “Con Telese rapporto ottimo fino all’inizio di questo mese. Ricordiamo che il direttore è anche uno dei soci principali di ‘Pubblico’ e quindi fa parte del gruppo di imprenditori che stanno abbassando la saracinesca e questo noi, non ce l’aspettavamo”. Duro anche Boris Sollazzo giornalista ‘precario’ : “Questa azienda ha giocato con le vite e le carriere dei propri dipendenti, ho avuto varie esperienze di precarietà, alcune – racconta – particolarmente assurde e grottesche, ma mai come questa” . Oggi è prevista l’assemblea dei soci di Pubblico: o si ricapitalizza oppure ci sarà la messa in liquidazione e la fine delle pubblicazioni. Come sembra scontato  di Manolo Lanaro

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×