/ /

Cronaca
15 Ottobre 2012 | di

‘Ndrangheta, cittadini di Sedriano sotto casa del sindaco: “Dimettiti!”

La sagra patronale del comune in provincia di Milano, il cui sindaco è agli arresti domiciliari dal 10 ottobre, viene interrotta da un piccolo gruppo di cittadini, senza simboli politici: “Chiediamo il ripristino della legalità”, dicono attraversando le strade del paese. La criminalità organizzata, e in particolare la cosca ‘ndranghetista Di Grillo – Mancuso, ha messo le mani sul territorio dell’Alto Milanese: “Via la ‘ndrangheta da Sedriano!”. Il corteo si ferma sotto l’abitazione del primo cittadino Alfredo Celeste, vice-coordinatore provinciale del Pdl, coinvolto nell’indagine che ha portato in carcere l’assessore regionale Domenico Zambetti per voto di scambio, concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione. Arrestato anche Marco Scalambra, marito della consigliera comunale di Sedriano, Maria Stella Fagnani, che tentò di offrire voti ‘sporchi’ a una lista civica del comune di Rho. “Sindaco Celeste, dimettititi”, urlano i cittadini: attorno a loro, i passanti proseguono il giro tra le bancarelle della sagra. Scatta qualche applauso, ma quasi nessuno si unisce al corteo. “Qui non si spara, i giornali stanno esagerando”, dice qualcuno. Assente per il momento il Partito Democratico, che parteciperà alla fiaccolata contro la ‘ndrangheta in programma giovedì sera  di Francesca Martelli

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×