/ /

Lavoro & precari
18 Settembre 2012 | di

Marchionne e gli applausi del Pd. D’Alema: “Archeologia”

Sembra ancora di sentirli, i politici del centrosinistra. Tutti ad applaudire Sergio Marchionne, “che ha preso quella macchina ingrippata che era diventata la Fiat e l’ha salvata”, per dirla con Sergio Chiamparino. Perché cambiassero idea, l’ad del gruppo Fiat ha dovuto gettare la maschera, confermando le preoccupazioni della Fiom, unica, in questi anni, a non subire il fascino del manager abruzzese e delle promesse sul futuro degli stabilimenti italiani. “Voglio sapere che programmi ha la Fiat per il nostro Paese”, dice oggi Massimo D’Alema, a Milano per la festa locale del Pd. “Ci dica quanto intende investire e quali garanzie dà per il lavoro”, continua il presidente del Copasir, che da Marchionne ora pretende “documenti scritti, non dichiarazioni giornalistiche”. Eppure, appena tre anni fa D’Alema la vedeva così: “Ho sempre pensato che il destino della Fiat fosse quello di una forte internazionalizzazione”, dichiarava il 7 maggio 2009, “e Marchionne 
lo sta facendo nel modo migliore”. “Archeologia”, si affretta a derubricare D’Alema, che considera certe affermazioni superate dagli eventi. Vale anche per quelle di colleghi come Piero Fassino, che nel 2006 definiva Marchionne un “vero socialdemocratico”? E le parole di Valter Weltroni? “Marchionne ha posto con chiarezza il problema”, spiegava l’ex sindaco di Roma ancora nel 2011, “ci vuole un contratto di lavoro costruito più a ridosso dell’organizzazione aziendale”. D’Alema non ci sta a giustificare cose che, a sentir lui, avrebbe detto almeno otto anni fa. “Noi abbiamo sempre chiesto conto alla Fiat”, assicura. Tutto da archiviare, insomma, roba da archeologi. Intanto le elezioni si avvicinano, e i lavoratori saranno presto chiamati a votare. “I sondaggi dicono che la maggior parte del lavoratori dipendenti sta col centrosinistra”, ci informa inorgoglito D’Alema. È la democrazia, bellezza. Marchionne capirà  di Franz Baraggino

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×