/ /

Giustizia & impunità
7 Agosto 2012 | di

G8, l’ex questore Canterini: “Alla Diaz una macedonia di divise senza nome”

“Quella notte c’era una macedonia di polizia, fatta da tante divise e da tante pettorine che ci siamo ritrovati sotto la Questura al momento di partire e che io non sapevo nemmeno che ci fossero”. A parlare è Vincenzo Canterini, l’ex comandante del primo Reparto mobile di Roma, condannato recentemente dalla Cassazione a tre anni e tre mesi per falso nella vicenda Diaz del G8 di Genova. L’ex questore, autore del libro “Diaz”, scritto assieme a Gian Marco Chiocci e Simone Di Meo, ribadisce la sua verità in un’intervista rilasciata a Corradino Mineo, su Rai News. “I miei uomini sono entrati alla Diaz assieme a più di quattrocento uomini, che nessuno sa ancora oggi chi sono, né chi li ha convocati” – dichiara – “Erano persone che non rispondevano praticamente a nessuno, non erano “inquadrate” in un Reparto e non avevano un capo. E quindi hanno agito di testa loro”. Canterini non fa mistero del motivo per cui a Genova era presente anche Arnaldo La Barbera, il “superpoliziotto” scomparso un anno dopo i tragici fatti del G8. “Fu mandato da Roma apposta per organizzare l’operazione Diaz. Non era lì per caso.”- spiega. L’ex comandante della “celere” di Roma racconta un altro episodio: “Fuori dalla Questura hanno diviso i miei uomini in due tronconi contro il mio parere che, come si è visto, non contava molto. E non solo.” – continua – “L’art.41 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza permette alla Polizia di perquisire un sito solo se si ha la certezza che ci siano armi, sulla base di notizie fondate. Queste sono operazioni solitamente condotte da sei o sette uomini della Digos, ma non da quattrocento e passa elementi. Se di fa una cosa del genere, le armi si devono trovare”. E aggiunge amaramente: “Ecco che arriviamo così alle molotov, considerate armi da guerra” di Gisella Ruccia

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×