/ /

Ambiente & Veleni
2 Agosto 2012 | di

Taranto, la città dei veleni

Dal mare alla terra passando per quelle morti sospette. Gli inquinanti prodotti dallo stabilimento metallurgico Ilva hanno condizionato un’intera città: dalla mitilicoltura (l’allevamento delle cozze) alla pastorizia. Tutte attività che si sono dovute fermare per la presenza di diossine negli animali. Se in mare la malattia delle cozze è generata da un olio prodotto da un trasformatore, nell’allevamento le perizie sottolineano come sia un filtro mancante la causa della soppressione di oltre 2000 capi di bestiame. Non solo diossine e non solo lavoro, perché a Taranto si può morire anche solo respirando all’aria aperta. I parchi minerali allo scoperto e i fumi di scarico hanno cambiato per sempre la vita di un intero quartiere, Tamburi, dove almeno una famiglia su due piange la morte di un proprio caro per tumore. “O chiudete lo stabilimento o spostate il quartiere”, dicono gli abitanti  di Lorenzo Galeazzi

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×