/ /

Cronaca
21 Luglio 2012 | di

Tav, duri scontri in Val Susa. Ferito il capo della Digos

Erano circa 400 i NoTav che hanno dato vita a due cortei, uno da Giaglione e l’altro da Chiomonte, che ieri notte hanno raggiunto il cantiere dell’alta velocità La Maddalena in Val Susa. Ma tra i manifestanti pochi erano valligiani, i cortei erano composti da attivisti provenienti da tutta Italia. Arrivati davanti alle reti che delimitano l’area di cantiere i NoTav si sono schierati silenziosamente, la polizia li attendeva con gli idranti già aperti. Pochi minuti di quiete e poi, poco dopo le 22, l’inizio degli scontri. I NoTav tiravano sassi, bombe carta e petardi, a cui le forze dell’ordine rispondevano con idranti e una grande quantità di lacrimogeni. I manifestanti, muniti di maschere antigas sono riusciti a rimuovere uno dei jersey posizionati a difesa del cantiere. Una bomba carta ha ferito il capo della Digos Giuseppe Petronzi, che è stato immediatamente trasportato in ospedale. Al termine degli scontri, una parte dei manifestanti si è diretta a Chiomonte, dove è stato allestito il campeggio NoTav. Qui vi è stato ancora uno scambio tra attivisti e forze dell’ordine, questi ultimi hanno sparato dei lacrimogeni, mentre i primi hanno risposto con un lancio fitto di pietre di Cosimo Caridi

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×