/ /

Giustizia & impunità
3 Luglio 2012 | di

Firme false, Podestà stizzito: “False? Giudizio mediatico”

“Non posso dire se quelle firme siano vere o false, ce lo dirà la sentenza alla fine del processo”. Nel giorno in cui il pm Alfredo Robledo ha chiesto il rinvio a giudizio del presidente della Provincia di Milano Guido Podestà con l’accusa di falso ideologico in merito alla vicenda delle firme false raccolte dal Pdl per le ultime regionali, l’interessato suggerisce di aspettare che la giustizia faccia il suo corso. Ma nella vicenda che riguarda le due liste a sostegno della candidatura di Roberto Formigoni, una cosa è certa: 926 firme tra quelle raccolte e autenticate sono state falsificate. Un dato che non scompone il presidente della Provincia, che rinnova l’invito alla prudenza: “Non si possono avallare giudizi mediatici, solo una sentenza potrà dirci se quelle firme sono false”. Il nome di Podestà, che all’inizio del 2010 era coordinatore lombardo per il Pdl e responsabile politico della campagna elettorale per le amministrative, è saltato fuori nel corso dell’interrogatorio di Clotilde Strada, una delle responsabili operative della campagna. Secondo la Strada, infatti, sarebbe stato Podestà a suggerire di utilizzare i certificati elettorali per autenticare le firme false, quando la scadenza del termine per la presentazione delle liste era ormai prossima. Podestà smentisce: “Quella sera arrivai nella sede del Pdl”, conferma, “ma mi dissero che tutto procedeva per il meglio”. E ancora: “Guardando bene le carte”, continua Podestà, “si capirà che la Strada ha anche cambiato versione”. L’udienza preliminare è fissata per il 12 ottobre prossimo. Nel frattempo arriva la solidarietà del presidente della Regione Formigoni: “Io non c’entro niente e spero che il presidente Podestà potrà presto vedere affermata la sua estraneità” di Franz Baraggino

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×