/ /

Cronaca
13 Maggio 2012 | di

Lo scandalo del museo geologico nazionale

Il Museo Geologico Nazionale a Roma è stato sgomberato delle sue preziosissime collezioni nel 1995 per un progetto di ristrutturazione del palazzo liberty di largo di Santa Susanna. Ma i lavori non sono stati mai portati a termine. E così le collezioni per cui era stato costruito dopo l’Unità d’Italia giacciono imballate da 17 anni. Smembrate in diversi magazzini e sotterranei di diversi edifici. E l’unico spazio espositivo di 300 mq è chiuso al pubblico, in attesa, anche questo, di essere sgomberato tra pochi giorni. Eppure negli anni passati ben due governi (nel ’96 e nel ’98) avevano stanziato i fondi necessari per dare una sede degna al museo. 150 mila reperti tra fossili di animali, piante, legni, microorganismi, ma anche ossa umane e minerali delle ere più diverse e tanto altro ancora. Tutto chiuso nelle scatole. “Il rischio serio è che questi reperti – dichiara Myriam D’Andrea dell’Ispra – si deteriorino irrimediabilmente” di Paola Mentuccia

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×