/ /

Cronaca
13 Maggio 2012 | di

Camorra, cambia il vescovo e il Santo non si inchina più sotto la casa del boss

Dopo le polemiche degli ultimi mesi – con il sindaco di Castellammare di Stabia Luigi Bobbio che a gennaio scorso ha abbandonato la processione del patrono della città, San Catello, per protestare contro l’inchino della statua a Renato Raffone detto ‘Battifredo’ – anche la Chiesa si schiera. Nei giorni scorsi Don Franco Alfano, appena insediato a capo della diocesi Sorrento-Castellammare di Stabia, aveva dato disposizioni perché il santo non fosse fermato sotto la casa di Battifredo. Oggi, pochi metri prima del balcone dell’anziano boss, il vescovo si è spostato sotto al gonfalone del sindaco e dietro la statua per controllare l’operato dei portatori. E loro, per la prima volta, non si sono fermati di Andrea Postiglione (ha collaborato Genny Manzo)

 

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×