/ /

Giustizia & impunità
9 Aprile 2012 | di

A Brenta sbuca un’altra villa dei Bossi

Oltre alle case sulle quali si sono concentrate le indagini delle procure di Reggio, Napoli e Milano, c’è anche una fattoria di proprietà della famiglia Bossi: a Brenta, un piccolo paese a sette chilometri da Gemonio. E’ stata acquistata il 24 giugno 2011 per il figlio Roberto Libertà a 450 mila euro e risulta intestata a Manuela Marrone, moglie di Umberto Bossi. L’edificio centrale è composto da 7,5 vani e ha un ampio parco che lo circonda dove si intravede materiale edile che si presume sia utilizzato per alcuni lavori in corso. Bancali con blocchi di cemento e altro materiale da costruzione  di Alessandro Madron 

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×