/ /

Videogallery
26 Maggio 2011 | di

Assedio dei precari alla sede di Equitalia

“Cara Equitalia non ti paghiamo”. Lo slogan è urlato da circa 200 precari riunti sotto la sigla “Sciopero precario” che stamattina a Roma nel quartiere Colli Aniene hanno protestato con il lancio di uova, ortaggi, vernice e grossi petardi davanti la sede di Gerit Equitalia (la società che si occupa di recuperare i crediti per gli enti locali) di viale Palmiro Togliatti protetta da celerini in assetto antisommossa. Gli attivisti a capo del corteo hanno motivato così la contestazione: “In Italia le banche e le grandi aziende vengono salvate con procedure straordinarie. Un precario, invece, per un rata non pagata può vedersi pignorata la casa. Dobbiamo indignarci“. Al corteo erano presenti anche studenti, rappresentanti dei centri sociali e lavoratori cassaintegrati.
Servizio di Francesca Nava, montaggio Paolo Dimalio

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×