/ /

Videogallery
10 Maggio 2011 | di

La Brambilla scappa davanti alle telecamere del Fatto

Il 29 aprile scorso il ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla aveva dichiarato l’emergenza sbarchi conclusa: “Gli sbarchi a Lampedusa sono un capitolo chiuso”, annunciando la rinata vocazione turistica dell’isola. Ma la smentita è immediata, e arriva via mare, a bordo di nuovi barconi che traghettano altre centinaia di profughi dalle coste del Nord Africa. E come se non bastasse, all’emergenza tutt’altro che conclusa si aggiunge il dramma delle morti in mare, dei naufragi. Il ministro Brambilla, madrina dell’incentivo per chi sceglierà Lampedusa come meta delle sue vacanze, era oggi a Milano, per un progetto turistico legato al capoluogo lombardo. A margine della conferenza stampa con il sindaco Letizia Moratti, la Brambilla si è concessa alle domande dei cronisti. Ma non sembrava avere voglia di rispondere alla domanda de ilfattoquotidiano.it sulle emergenze non risolte, lasciandosi andare solo a un: “Non sono ancora in grado di risolvere la guerra”. Appena ieri Silvio Berlusconi raccontava ai suoi elettori di aver risolto in breve tempo l’emergenza post sisma in Abruzzo e quella dei rifiuti a Napoli. E quello che va storto è colpa “dei pm che sequestrano le discariche” e “delle giunte di sinistra che non ci fanno lavorare”. Video di Franz Baraggino

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×