/ /

Diritti
16 febbraio 2016 | di

Unioni civili, Carlo Flamigni: “Maternità surrogata? Primo esempio è nella Bibbia”

“I primi esempi di maternità surrogata si trovano proprio nella Bibbia”. Parola di Carlo Flamigni, ginecologo e membro del Comitato nazionale per la bioetica. Intervenuto alla presentazione del suo ultimo libro – scritto insieme alla giovane ricercatrice Angela Balzano – “Sessualità e riproduzione. Due generazioni in dialogo su diritti, corpi e medicina”, il professore dice la sua sul dibattito in corso sul ddl Cirinnà. “Una donna può avere compassione per un’altra donna e decidere di offrirsi come madre surrogata – continua Flamigni a margine dell’incontro organizzato dal collettivo Ambrosia – Questa è etica del dono e chi ne parla male è un cretino”. Secondo lo specialista, né il progresso in ambito medico né tantomeno l’articolato del ddl sulle Unioni civili possono “ridurre i diritti delle donne, perché il vero diritto resta sempre quello di potere scegliere”. Parere contrario, invece, sull’intromissione della chiesa nelle decisioni dello Stato: “È la morale comune a fare la dottrina e non le gerarchie vaticane. D’altronde, un paese che legifera tenendo conto dei principi di una morale religiosa è un paese retto da persone disoneste” di Elisa Murgese

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×