/ /

Politica & Palazzo
29 dicembre 2015 | di

Abruzzo, protesta M5S e D’Alfonso reagisce con la forza. La grillina: “Non mi tocchi”

Tensione a L’Aquila durante il Consiglio regionale, riunito per l’approvazione del bilancio di previsione e della finanziaria. Il Movimento 5 Stelle accusa la giunta del governatore Luciano D’alfonso di tenere nascosti i capitoli di bilancio agli abruzzesesi. Secondo i pentastellati, che si sono presentati in Aula con cartelli sui quali si leggeva “#finanziariaalbuio” e “D’Alfonso regala soldi alla sanità privata”, il bilancio regionale nasconderebbe “sprechi di ogni genere”. La consigliera pentastellata Sara Marcozzi, in segno di protesta, ha occupato i banchi della giunta insieme ai colleghi e prima dell’inizio della seduta ha preso posto nella poltrona del presidente D’Alfonso. Ma il governatore non ci sta e con la forza si riprende la sedia cacciando la consigliera M5S, che però non lascia i banchi della giunta. Tanto da farsi spingere dallo stesso D’Alfonso, che reagisce bruscamente con l’obiettivo di avviare i lavori del Consiglio. “Non mi tocchi, presidente“, lo ammonisce la Marcozzi, che oltre alle spinte ricevute ha voluto denunciare il “sessismo” del governatore. Ma la consigliera non demorde, e torna a rubargli la poltrona non appena D’alfonso si alza. A questo punto, per non ricorrere nuovamente alla forza, il presidente si allontana. Inutili appelli e minacce di far intervenire le forze dell’ordine per interruzione di pubblico servizio: i grillini rimangono ai loro posti. E il Consiglio regionale viene rinviato mentre si convoca la conferenza dei capigruppo. “Protestiamo pacificamente perché i cittadini sappiano come vengono spesi i loro soldi. Per la prima volta la giunta nasconde ai consiglieri i capitoli di bilancio, e così a tutti i cittadini abruzzesi. Se consegnano a noi e quindi ai cittadini i capitoli di bilancio, noi ce ne andiamo”, ha dichiarato la conigliera Marcozzi al cronista di News Town, rimanendo ben salda sulla poltrona di D’Alfonso. Il M5S aveva già protestato nei giorni scorsi denunciando la “mancata trasparenza” della giunta

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×