/ /

Economia & Lobby
19 febbraio 2015 | di

Servizio Pubblico, Travaglio: “Boschi e Banca Etruria: il papà della figlia”

Editoriale di Marco Travaglio, che analizza il caso della Banca Etruria: “Tornano pure gli etruschi grazie a una banca popolare, di cui il padre della ministra Boschi è vicepresidente. Pierluigi e Maria Elena Boschi è un caso di nepotismo alla rovescia: invece del figlio di papà, il papà della figlia. Banca Etruria è un salottino di cattolici e massoni con sede ad Arezzo, dov’è nata la Boschi, che ne è pure azionista, come il padre e il fratello Emanuele, che ne è addirittura dipendente”. E spiega: “Se ne risente parlare a ottobre, ma solo negli ambienti finanziari più informati, quando a fine mese escono i risultati degli stress test della Bce per vedere quali banche han bisogno di aumenti di capitale, fusioni e acquisizioni per stare in piedi. Il giorno dopo, 27 ottobre, strani movimenti sulle azioni di un altro istituto, il Banco Popolare: qualche speculatore scommette che entro sei mesi i titoli si alzeranno e si impegna, con opzioni call, a comprare a marzo a prezzo fissato subito a ottobre”. Il direttore de Il Fatto Quotidiano osserva: “Come mai tanto ottimismo? Sul momento, nessuno lo capisce. Perchè nessuno ufficialmente sa che il governo Renzi sta per riformare, addirittura per decreto, le banche popolari a loro vantaggio, trasformando in Spa quelle con almeno 8 miliardi di attivo“. E aggiunge: “La banca più fortunata è proprio quella d’Etruria, che fa registrare la miglior performance dell’anno, con un +62% in pochi giorni. Mica male per una banchetta disastrata, che infatti di lì a poco sarà commissariata da Bankitalia per “insufficienza patrimoniale rispetto ai requisiti prudenziali”, con un buco complessivo di 3 miliardi, il sestuplo del patrimonio netto, grazie alla gestione allegra degli ultimi anni. Il Cda della Banca del Buco, di cui fa parte papà Boschi dal 2011″- continua – “ha approvato una regoletta che consente ai manager di fare prestiti facili agli amici degli amici con una semplice firmetta. E questo lo sanno tutti, perchè nel 2014 l’ha detto l’ispezione di Bankitalia che ha multato di 2.5 milioni di euro i dirigenti, fra cui papà Boschi per 144 mila euro,per una serie d’irregolarità e violazioni della trasparenza. Eppure l’Etruria vola in Borsa alla grande. Mistero. Domanda: la Boschi c’era o non c’era nel Cdm che decideva anche sulla banca di cui lei è piccola azionista, il padre è socio e vicepresidente e il fratello dipendente?

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×